Consiglio del pediatra - dolcetto o scherzetto

Tempo fa ho letto un articolo su una rivista pediatrica che mi ha fatto riflettere...in ritardo...una di quelle situazioni in cui ti sembra di ricevere una notizia scontata...quindi leggi e vai...e  poi un bel giorno  ti torna in mente che  forse non era così scontata e nemmeno così...accettata!
Cominciava dicendo...si cresce con incrollabili certezze  nella vita, tramandate da generazioni...
In effetti la nostra cultura di mamme italiane, e con questo si includono un sacco di innegabili  doti che ci dobbiamo  riconoscere, ci fa crescere con messaggi sicuri e tradizionali, che superano internet e la anche la lontananza  fisica dalle persone che ce le hanno  insegnate. Sono quelle  frasi che ci escono spontaneamente senza rendercene quasi conto...se corri e sudi ti ammalerai (indipendentemente dal fatto che sia gennaio  oppure agosto), se mangi il cioccolato ti fa male la pancia, mangiare tanta carne fa crescere, divertirsi troppo verso sera eccita e non fa dormire bene...
Va bene...parliamone...
Uno studio famoso e ben noto a tutti noi Pediatri, sottolinea un’ associazione inversa tra consumo di cioccolato e rischio di malattie cardiometaboliche, anche dopo aggiustamento di possibili fattori confondenti come età, attività fisica, fumo, fattori alimentari, uso di farmaci. Sintetizzando i dati relativi ad una popolazione di 114.009 partecipanti (!!!),  più alti livelli di consumo di cioccolato erano associati ad una riduzione del 37%  delle malattie cardiovascolari, a una riduzione del 29% di ictus, a una riduzione del 31% di diabete. Questi effetti favorevoli sembrano mediati dall'alto contenuto di sostanze chiamate polifenoli presenti nel cacao.
Gli Autori concludono ovviamente anche che, l'alto contenuto energetico del cioccolato (circa 500 kcal/100 gr) induce, se le quantità introdotte sono eccessive, incremento ponderale che rappresenta un fattore di rischio per ipertensione, dislipidemia, diabete e malattie cardiometaboliche in generale. Di conseguenza si rende necessario buon senso per quanto riguarda   la quantità, al fine di migliorare gli effetti benefici. In ultimo, l'evidenza attuale suggerisce che il cioccolato può essere uno strumento utilizzabile nella prevenzione delle malattie cardiometaboliche, se consumato con moderazione e, se possibile, con una ridotta quota di zucchero e grassi.
Superare  lo stupore iniziale  non  è facile ...mamma e nonna non saranno mai d’accordo. Siamo però “adulte e vaccinate” e pronte ad accettare che i nostri figli sappiano usuare il computer a 3 anni e quindi saremo pronte ad accettare il fatto che il cacao aumenti il metabolismo, migliori la performance muscolare e la perfusione dei capillari, aumenti la perfusione capillare, aumenti la percentuale di massa magra e abbia effetto benefico sul metabolismo del colesterolo...con le dovute misure di buonsenso...suddette!!
Va bene ma non è finita. Parliamo del  bel piatto di carne rossa che fa diventare forti e grandi. Anche qui garndi novità ...niente poco di meno che da Harvard...quindi  ci dobbiamo credere per forza!!!
Uno studio su un totale di 120.000 (!!!)  persone realizzato  somministrando questionari sulle abitudini alimentari, mette in luce che il consumo regolare di carne rossa e’ associato ad aumentato rischio di mortalità cardiovascolare e per cancro. Le  carni rosse, soprattutto se lavorate,  contengono elementi come grassi saturi, sodio, nitriti e alcuni elementi cancerogeni che si formano durante la cottura che producono un aumentato rischio di malattie croniche. Viene anche calcolato che sostituire una porzione di proteine proveniente da carne rossa con una proveniente da altra fonte, si traduca in un rischio  di mortalita piu basso.
Adesso mi piacerebbe ribadire quello che penso sui cibi salati...ma gli amichetti di mia figlia, che già’ nascondono il pacchetto di patatine quando mi vedono per strada, trascinando lontano mamma e nonna che lo hanno concesso , eviterebbero di venire a bussare alla mia porta ad Halloween...con somma delusione da parte di tutta la famiglia...quindi mi fermo qua.
Allora...dolcetto o scherzetto??

Dott.ssa Codazzi
2021 © ASILO NIDO LA GIRANDOLA S.R.L. - 27020 Travacò Siccomario (PV) - Via Fossa - Tel. 0382 482281 - Cell: 333.42.69.099 - info@asilonidolagirandola.it
Sede Legale: Via Carpanelli, 20 27100 Pavia - P.Iva 02195240185 - Numero REA PV-253338 - Cap. soc. 10.000€ i.v.
Privacy | Website by Clicom